Informazioni



La mia passione per le radio “che hanno una storia da raccontare” nacque quando da ragazzino,
in un negozio alla periferia di Genova, facevo il “garzonetto” di un riparatore di radio. Una radio d’epoca, per chi ha capacità di sentire non solo con l’udito ma anche con il cuore, testimonia lo stupore di coloro che l’ascoltarono nei primi anni del Novecento ed è ancora ammantata del fascino superlativo che deriva dall’armonia di una forma non ancora banalizzata dalla modernità. Io, “garzonetto” appena dodicenne osservavo a lungo, affascinato e rapito, le parti interne, i meccanismi e ne scoprivo il funzionamento. Avere una radio d’epoca tra le mani per me era un sogno irraggiungibile perché allora non possedevo il denaro necessario per acquistarne anche una soltanto…
Non ho raccolto radio d’epoca allo scopo di arricchirmi, di barattare o piu’ semplicemente per il gusto infantile di smontarle e rimontarle come se fosse un gioco, no, le ho amate tutte, una ad una…
Non so se collezionare sia giusto o sbagliato, ma sono certo che l’uomo che oggi sono diventato ha sviluppato una profondità interiore anche attraverso la ricerca della bellezza “parlante” di una radio d’epoca. Oggi ho un desiderio che travalica l’interesse del normale collezionista e guarda alla nobilitazione della ricerca, per me radio d’epoca, ma potrebbe essere ricerca di qualsiasi altra cosa capace di “ispirare”…
Dedico a mio padre, Benito Barile, questo percorso: ricordo quando mi parlava delle Officine “Marconi al Molo Vecchio” e dell’Ansaldo Lorenz (Genova Cornigliano) e adesso penso che nulla sia a caso nella vita e probabilmente lui già mi additava una strada lungo la quale crescere nell’interiorità, alimentando una passione sincera.
Grazie a questa passione ho conosciuto Roberto Colla (insegnante e appassionato di elettronica e radiotecnica fin da giovane) davanti ad una radio roma esposta sul banco di un mercatino. Da quell'incontro è scaturita prima la conoscenza e poi l'amicizia che dura nel tempo ci rapportiamo spesso in discussioni per la riparazione e il restauro delle nostre radio d'epoca.
La mia collezione “le Radio del Duca” si compone di circa un’ottantina di pezzi e l’ultima cosa che posso veramente desiderare è di esporla nella sua completezza in un luogo visibile a tutti gli appassionati e amatori, realizzando un percorso di ispirata bellezza, così come io l’ho fatto.
Mi chiamo Giorgio, per chiunque voglia contattarmi, avere scambi di opinione…
Informazioni